Lettera alle istituzioni - News


Lettera alle istituzioni

22 Maggio, 2020


 
 
          
Roma, 21 maggio 2020 
 
Alla c.a. di 
Presidente della Camera dei Deputati 
On.le Roberto Fico 
 
Presidente del Senato della Repubblica 
On.le Maria Elisabetta Alberti Casellati 
 
Ai Capigruppo della Camera dei Deputati 
 
Ai Capigruppo del Senato della Repubblica 
 
 
Oggetto: Gestione delle epidemie e delle emergenze da parte degli  amministratori e gestori di immobili – Necessità di interventi in sede di conversione del Dl 33 e 34 del 2020 
 
Onorevoli Presidenti, 
Onorevoli Deputati, 
Onorevoli Senatori, 
 
Facendo  seguito  alla  Ns.  precedenti  comunicazioni  a  sigle  unificate,  rimaste  tristemente inascoltate,  dobbiamo  nuovamente  rappresentare  la  opportuna  necessità  di  un  intervento  di ampio  respiro  che  assicuri  la  corretta  gestione  degli  adempimenti  e  delle  emergenze  anche  da parte degli Amministratori e gestori di immobili. 
Gli  attuali  accadimenti  impongono  l’assunzione  di  determinazioni  chiare  e  ragionevoli  per  la gestione  dell’emergenza  che  coinvolgano  la  necessaria  collaborazione  di  tutti  gli  operatori  e professionisti per il raggiungimento degli obiettivi di contenimento della pandemia. 
Emerge  altresì  la  necessità  di  assumere  interventi  adeguati  e  organici  per  consentire  ai professionisti della gestione immobiliare di rispettare i limiti per la convocazione delle assemblee, per la resa del conto e l’obbligatorio rispetto delle scadenze fiscali, onde scongiurare il rischio di sanzioni in danno al Condominio, con connessa responsabilità dell’Amministratore. 


* * * 
In  tal  senso,  deve  rilevarsi  che  il  Decreto  Legge  n.  33  del  16.05.2020  pubblicato  sulla  Gazzetta ufficiale n. 125 del 16.05.2020 che “delinea il quadro normativo nazionale all‘interno del quale, dal 18  maggio  al  31  luglio  2020,  con  appositi  decreti  od  ordinanze,  statali,  regionali  o  comunali, potranno essere disciplinati gli spostamenti delle persone fisiche e le modalità di svolgimento delle attività economiche, produttive e sociali” e che il DPCM del 17 maggio 2020 recante disposizioni attuative  del  D.L.  25  marzo  2020  n.19  e  del  D.L.16  maggio  n.33,  è  da  intendersi  in  sostituzione delle disposizioni contenute nel DPCM 26 aprile 2020. 
Sennonché  l’art.1,  comma  10  del  Decreto  Legge  n.  33/2020  esplicita  la  possibilità  di  tenere “riunioni”  (quindi:  anche  assemblee  di  condominio)  seppur  con  l’obbligo  di  garantire  il  rispetto della  distanza  interpersonale  di  almeno  un  metro,  che  va  applicato  in  combinazione  con  le  restrizioni di cui al comma 8 della medesima norma, degli allegati del Decreto Legge suindicato, nonché di altre normative inerenti l’emergenza da COVID 19 non espressamente sostituite. 
 
* * * 
Nonostante reiterate richieste di intervento ed innumerevoli comunicazioni fornite dalla stampa e dallo  stesso  Governo  con  le  “bozze”  del  Dl  Rilancio  fatte  circolare  negli  scorsi  giorni,  si  rileva  a tutt’oggi l’ennesimo disinteresse per le esigenze del mondo condominiale. 


* * * 
Considerate le richieste ricevute da parte degli associati, ma anche sopraggiunte da più parti, in relazione   all’introduzione   di   una  normativa   sulle   assemblee   in   telepresenza   e  relativa regolamentazione, rimaste inascoltate, si deve – oggi più che mai – intervenire per assicurare che le attività di amministrazione e gestione dei beni immobili possano proseguire con sicurezza per i professionisti, i loro collaboratori e le compagini condominiali. 


* * * 
Pertanto,  Le  Associazioni  in  intestazione  sottopongono,  nuovamente,  alla  Vs.  attenzione  la necessità di assumere idonei provvedimenti urgenti per consentire a tutti i professionisti operanti nel settore condominiale ed immobiliare di svolgere il proprio lavoro rispettando e collaborando attivamente alla gestione delle emergenze nazionali e locali e, in particolare: 
        Espressa introduzione, anche al di fuori della contingente emergenza sanitaria, quindi in via ordinaria,    della    possibilità    di    consentire    la    partecipazione    dei    condomini    in videoconferenza, assicurando: 
   o   La certa identificazione dei partecipanti 
   o   La garanzia di discussione, vocalmente e in chat 
Diversamente  verrebbe  gravemente  compromessa  non  solo  la  possibilità  ai  condomini  di accedere  ai  benefici  del  Decreto  Rilancio  (art.  128),  ma  di  fatto  verrebbe  vanificato  lo  stesso provvedimento  costruito  sull’ipotesi  di  un  contributo  economico,  sul  piano  nazionale,  di  25 miliardi di euro.  
     Interruzione  dei  termini  di  legge  previsti  per  il  ruolo  professionale  relativamente  alla predisposizione e approvazione del rendiconto condominiale annuale della gestione e per il forzoso delle somme dovute dai condomini, per cui è previsto un termine perentorio di 180 giorni dalla chiusura dell’esercizio 
     Rinnovo automatico – tenuto conto di particolare situazione di emergenza pandemica ‐ per un  ulteriore  anno,  del  mandato  dell’amministratore  in  modo  che  possa  agire  con  la pienezza  dei  propri  poteri  per  assicurare  lo  svolgimento  delle  attività  condominiali,  a parziale deroga all’art. 1129 c.c. 
     Consentire agli amministratori di sostenere in modalità telematica non soltanto il corso di aggiornamento e formazione, ma anche gli esami finali dei predetti corsi 


* * * 


Tali  argomenti  sono  anche  stati  portati  all’attenzione  di  CONFASSOCIAZIONI,  cui  le  scriventi aderiscono,  in  quanto  soggetto  idoneo  a  rappresentare  la  categoria  degli  amministratori  e  il settore condominiale nella sua interezza, quale realtà aggregativa inclusiva e coinvolgente. Rinnoviamo, ancora una volta, la disponibilità ad attivare – anche attraverso il coinvolgimento di CONFASSOCIAZIONI  ‐  un  Tavolo  di  confronto  per  la  definizione  degli  opportuni  interventi  di attuazione  delle  richieste  formulate,  al  fine  di  assicurare  reali  forme  di  tutela  e  garanzia  agli amministratori e all’utenza finale (i condòmini)                       
 
         
 
Distinti saluti 
 
  p. AIC‐CONDIVISION    Giuseppe De Filippis 
p. APICE                      Marco Quagliariello 
p. ASSIAC                    Concetta Cinque 
p. BMItalia                  Giovanni Zullo 
  p. CondoAssociazione   Peter Lewis Geti 
  p. FIGIAC                     Francesco Vittorio Sciubba 
  p. UNICONDOMINIO    Marco Venier 
  p. U.P.A.C.                   Michele Orefice 
 p. Condofacile                          Fabio Marsella 
 
 
 
 
 
Dati di contatto: 
 
 
AIC‐CONDIVISION 
audire, aestimare, decernere 
Via Puglie, 3/A, 74121 Taranto (TA) 
Email: info.aic@virgilio.it 
 
A.P.I.C.E.
Associazione Professionisti in Campo Edilizio 
V.le Caduti per la Resistenza, 313, 00128 Roma 
Email: info@apiceitalia.net 
 
ASSIAC 
Via Di Casal Bertone 109 – Roma (RM) 
Email: presidenza@assiac.it 
            segreteria@assiac.it 
 
BMItalia
Piazza Luigi di Savoia 24 – Milano (MI) 
Email: presidenza@bmitalia.net 
CondoAssociazione 
Via Curtatone e Montanara, 28 56126 Pisa 
Email: info@condoassociazione.it 
 
FIGIAC
Federazione      Italiana      Gestori      Immobiliari      e 
Amministratori di Condominio 
Viale delle Mimose, 12, 80131 – Napoli (NA) 
Email: presidenza@figiac.it 
 
UNICONDOMINIO 
Via Tor de' Schiavi, n.142, Roma (RM) 
Email: presidente@unicondominio.eu 
 
Condofacile  
Via Casale di Tor di Quinto n.1, Roma (RM) 
Email: condofacilesrl@gmail.com 
U.P.A.C.
Unione Professionisti Amministratori Condomini 
Via Sebenico, 21/D, 88100 – Catanzaro (CZ) 
E‐mail: info@upac.it 
 
 
 
 
 
 
 
 
 


Vetrina Servizi

Partner e Convenzioni